Dalle Provincie

AL VIA NUOVO PROTOCOLLO D’INTESA FRA PREFETTURA DI PESCARA E ABI PER IL CONTRASTO ALLA CRIMINALITÀ

soldi

Nel pomeriggio di ieri è stato siglato dal prefetto Giancarlo Di Vincenzo e dal dott. Marco Iaconis dell’associazione Bancaria Italiana-ABI, in rappresentanza degli istituti di credito operanti nella provincia, il nuovo protocollo d’intesa per rafforzare l’azione di prevenzione e contrasto della criminalità ai danni delle banche e della clientela.

Il protocollo, firmato in presenza dei vertici delle forze dell’ordine, potenzia la reciproca collaborazione tra gli istituti bancari e le forze di polizia, con il concorso dell’OSSIF-centro di ricerca dell’ABI sulla sicurezza anticrimine, stabilito dall’Accordo Quadro Nazionale del 2020.

L’accordo prevede in particolare la segnalazione da parte delle banche alle forze di polizia di ogni potenziale fattore di rischio per la sicurezza (guasti ai sistemi di sicurezza, movimenti sospetti, eventuali aggravamenti del rischio dovuti a circostanze contigenti), nonché la comunicazione attraverso l’apposito data-base di OSSIF delle informazioni sulle rapine verificatesi.

L’obiettivo è di prevenire atti vandalici, furti e rapine alle sedi bancarie, come pure gli attacchi ai bancomat, il contrasto dei crimini informatici.  Inoltre tra le misure previste l’implementazione delle difese passive, la diffusione di sistemi per localizzare e/o tracciare le banconote rubate e/o renderle inutilizzabili, la georeferenziazione degli apparati di sicurezza installati in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Una specifica attenzione viene prestata alla prevenzione delle truffe nei confronti della popolazione più anziana, nonché ai rischi cosiddetti multivettoriali (cyber physical security).

Al termine dell’incontro, il prefetto Di Vincenzo, nel ricordare che già sono in corso rapporti di proficua collaborazione con ABI in virtù del protocollo sottoscritto in data 7 dicembre 2020 a tutela dell’economia legale, ha ringraziato i partecipanti e ha sottolineato l’importanza del raggiungimento dell’intesa volta ad innalzare ancora di più i livelli di sicurezza a protezione degli operatori creditizi e dei cittadini.

Back to top button