Dalle Provincie

ASL TERAMO, SCENDE IL TASSO DI POSITIVITA’

“Per quanto riguarda il territorio la situazione ci sembra in leggero miglioramento, a fronte di un numero di tamponi leggermente ridotto perché è ridotta la domanda. Lo notiamo soprattutto nel target giovanile.

La chiusura delle scuole, ormai datata, comincia a dare adesso i suoi effetti”. A sottolinearlo, nella conferenza stampa della Asl di Teramo per fare il punto sulla situazione epidemiologica e vaccinale, è stato il coordinatore dell’Ucat Giandomenico Pinto, che ha evidenziato come negli ultimi giorni si sia registrato un minor carico di lavoro su monitoraggio ed esecuzione dei tamponi, soprattutto nelle fasce giovanili.

In totale la Asl di Teramo ha effettuato, nell’ultima settimana, circa 1200 tamponi in meno rispetto alla precedente. “La scorsa settimana abbiamo fatto 7.400 tamponi a fronte di quasi 8.600 della precedente – ha aggiunto – e un dato interessante è il tasso di posivitià, sceso dal 5,99 al 4,33 per cento. Inoltre, per la prima volta da diverse settimane, il weekend, che è sempre un periodo un po’ caldo, con i due drive in di Tortoreto e Atri che producono un gran numero di tamponi, è stato più leggero. E’ un dato che dobbiamo prendere solo come dato statistico, non come una proiezione, ma che ci ha fatto un pò respirare”.

Pinto ha poi ribadito come ormai la variante inglese abbia soppiantato il Covid classico, con il 93,59 per cento ci casi di sospetta variante sul totale. “In ogni caso, come detto in precedenza – ha concluso – nella nostra azienda, attrraverso il tracciamento riusciamo a circoscrivere i focolai a livello familiare e questo contribuisce a evitare una maggiore circolazione del virus nella società”.

Back to top button