Dalle Provincie

CHIETI, IN CAMPO INIZIATIVE PER SOSTENERE 1200 FAMIGLIE POVERE

crop group stacking hands together
Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

Diverse iniziative sono state messe in campo dall’amministrazione comunale di Chieti e in particolare dal team delle Politiche sociali (Comune e Azienda Chieti Solidale) per far fronte all’emergenza sociale scatenata dall’emergenza sanitaria. Un’azione caratterizzata da metodo e tempestività, portata avanti con trasparenza e piena collaborazione con le organizzazioni del Terzo Settore cittadino. “Prima di tutto si è provveduto ad attivare da subito una modalità di comunicazione con i cittadini più immediata e riservata per l’erogazione dei Buoni spesa relativi al decreto Ristori di novembre, attraverso l’app Smart.Pa. Sono stati erogati ad oggi più di 260mila euro in buono spesa a circa 1.200 famiglie in condizione di impoverimento”, riferiscono il sindaco Diego Ferrara e l’assessore all’Innovazione sociale Mara Maretti.

“Contestualmente – continuano – si è lavorato alla sperimentazione del Pronto intervento sociale (Pis), per far fronte alle situazioni di emergenza impoverimento finanziando pacchi alimentari, contributi affitto, utenze, pronto farmaco ed emergenza assistenziale in collaborazione con Caritas, Capanna di Betlemme, Croce Rossa, Chieti Solidale e Cura del Tempo che ringraziamo infinitamente la grande disponibilità, prontezza e professionalità. Il Pis è ora approvato con delibera di giunta e con apposito regolamento e presto sarà emanata la manifestazione d’interesse per le organizzazioni del Terzo Settore interessate a collaborare all’iniziativa. Con l’obiettivo di sostenere con interventi efficaci i cittadini colpiti dall’emergenza stiamo progettando, inoltre, un servizio di presa in carico globale delle famiglie impoverite che sono tante e vivono situazioni di temporanea difficoltà, come il coaching famigliare che stiamo predisponendo e che sarà in grado di sostenere i nuclei famigliari e i singoli cittadini ad intraprendere un percorso di tenuta e recupero”, concludono.

Back to top button