Dalle Provincie

CHIETI, PRESENTATA LA PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO

Presentata ieri mattina nella sala convegni del palazzo ex Upim di Corso Marrucino la proposta di riqualificazione di una delle zone più centrali e storiche della città, in occasione del “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”.

Il comune di Chieti parteciperà al bando dei ministeri Infrastrutture e Trasporti ed Economia e Finanze per il finanziamento di interventi di riqualificazione e rigenerazione urbana per un importo pari a 15 milioni di euro che prevede il recupero e rifunzionalizzazione dell’ex Conservatorio delle Clarisse e del Conservatorio di S. Raffaele Arcangelo, che sarà adibito a foresteria e ad alloggi temporanei per utenza fragile; interventi sui sistemi infrastrutturali di connessione e interscambio modale con la realizzazione di un parcheggio multipiano ipogeo al di sotto di piazza Garibaldi; la creazione di un parco pubblico sulla sua sommità e l’apertura alla città degli antichi orti murati dei conventi limitrofi.

A illustrare lo studio di fattibilità gli elaborati sono stati il sindaco Diego Ferrara, il presidente del Consiglio comunale Luigi Febo, gli assessori ai Lavori pubblici Stefano Rispoli e Politiche della casa Enrico Raimondi. Presenti anche la presidente del Cda dell’Azienda pubblica Servizi alla persona di Chieti, Sandra De Thomasis, partner dell’intervento che interessa immobili di proprietà dell’Asp e la soprintendente ad Archeologia, belle arti e paesaggio dell’Abruzzo, Rosaria Mencarelli.

“Di fronte a una grande occasione di intervento e rivitalizzazione in chiave sostenibile di un nucleo storico della città, ci presentiamo al bando con una sinergia istituzionale – così il sindaco Diego Ferrara -. Chieti vuole essere un esempio virtuoso di come una città e tutte le parti positive di esse possono lavorare insieme per il benessere della comunità. Abbiamo fatto lavorare gli uffici perché Chieti potesse avere un’opportunità concreta per il futuro, ma visibile in breve tempo. L’interesse di questa amministrazione è avviare un cambiamento tangibile nella vita della città, anche attraverso un’opera visibile, destinata a restare: auspichiamo che questa progettazione si concretizzi e rappresenti una nuova cura nei confronti della comunità e del territorio cittadino con il suo patrimonio storico, artistico e culturale”.

(Foto: Zitumassin, CC BY 3.0 https://creativecommons.org/licenses/by/3.0, via Wikimedia Commons)

Back to top button