Turismo e Sport

CICLISMO, LA “NOVA EROICA” PER LA PRIMA VOLTA SUL GRAN SASSO

Si svolgerà sabato 17 a Castel del Monte la cicloturistica ‘Nova Eroica Gran Sasso’, che si ispira alla filosofia della manifestazione ciclistica amatoriale internazionale che si svolge prevalentemente su strade bianche, nata a Gaiole in Chianti per idea di Giancarlo Brocci. La corsa abruzzese, che è un’edizione ‘zero’ tra le strade bianche del territorio aquilano interno, attraverserà, invece che gli scenari del Chianti, quelli della transumanza, attraverso un panorama mutevole, arricchito da valli, boschi, abbeveratoi pastorali, sorgenti e contorni rocciosi dell’Appennino. La manifestazione è stata presentata questo pomeriggio a palazzo Silone, sede della Giunta regionale all’Aquila, a quattro giorni dallo start. Vi hanno preso parte, oltre all’organizzatore abruzzese Capoferri, anche il presidente della Regione Marco Marsilio, la campionessa aquilana di ciclismo (originaria di Castelvecchio Calvisio) Alessandra D’Ettorre, il consigliere regionale Emiliano Di Matteo. In collegamento dal Chianti anche l’ideatore dell’ ‘Eroica’ Giancarlo Brocci, mentre erano presenti i sindaci dei Comuni attraversati dai percorsi.
La manifestazione partirà da Castel del Monte e si dividerà in tre distinti percorsi, 40, 84 e 142 km attraversando i Comuni di Santo Stefano di Sessanio, Calascio, Castelvecchio Calvisio e Barisciano e la Piana di campo Imperatore all’interno del Parco Gran Sasso e Monti della Laga, consentendo ai partecipanti di scoprire le bellezze monumentali e naturalistiche dei nostri territori.

Sono 300, al momento, gli iscritti all’edizione zero della ‘Nova Eroica del Gran Sasso’ di sabato 17, provenienti da diversi Paesi del mondo oltre che dall’Italia:
Sud Africa, Canada, Australia, Svizzera, Stati Uniti e diversi altri Paesi d’Europa. La ‘Nova Eroica Gran Sasso’ arriva in Abruzzo grazie a un’idea di Marco Capoferri, e prevede in totale quattro percorsi: due con prove speciali cronometrate e tratti di trasferimento in marcia libera riservato a bici ‘gravel’, e due percorsi cicloturistici. In particolare, 133 chilometri il giro al Santuario di Giovanni Paolo II, 89 chilometri per il giro di Campo Imperatore e 45 chilometri per il giro della Rocca di Calascio.
“L’Abruzzo è il territorio ideale per ospitare la ‘Nova Eroica Gran Sasso’, nuovo e inedito evento all road nel cuore dell’Appennino- ha detto Brocci- con percorsi che si snodano tra valli e altipiani, sugli antichi ‘tratturi’ usati sin dall’antichità per la transumanza delle greggi. Sarà un’occasione unica per scoprire un territorio ricco di natura e storia per gli appassionati”.
Per l’assessore regionale allo Sport Guido Quintino Liris “l’arrivo della ‘Nova Eroica’ per la prima volta sul Gran Sasso costituisce uno straordinario strumento di promozione territoriale, di un valore enorme la cui portata rappresenta uno spot naturale per l’intero Abruzzo, come dimostra l’attenzione mediatica che già da tempo si è concentrata su di essa”. Gli fa eco il presidente della Regione Marsilio: “Faremo innamorare tutti della nostra terra e dei suoi prodotti. Sapere che ci sono decine e decine di chilometri di pista attrezzati, significa avviare una filiera di attività di grande promozione del territorio che dimostrerà che abbiamo fatto la scommessa giusta. Richiamerà cicloamatori di tutto il mondo”.

Back to top button