Economia

DALLE IMPRESE DEL SETTORE MONTANO APPELLO PER RIDURRE I COSTI DI GESTIONE

Dalle imprese che operano sui territori montani viene l’appello a politiche che tengano conto del fatto che la capacita’ di investimento attuale e’ fortemente penalizzata dalla ridotta redditivita’ delle attivita’. Per questo, le imprese chiedono politiche che portino alla riduzione dell’impatto dei costi di gestione di impresa. Lo ha detto Daniele D’Amario, coordinatore della commissione Politiche per il turismo e assessore della Regione Abruzzo, in rappresentanza della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nel corso dell’audizione, presso la commissione Attivita’ produttive della Camera, nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle proposte per la ripresa economica delle attivita’ turistico-ricettive della montagna invernale, in funzione delle riaperture previste a partire dalla stagione 2021/2022. Le imprese chiedono poi “un pacchetto fiscale specifico per le imprese operanti nei territori montani”, evidenziano la necessita’ di “collegare i contratti di lavoro stagionale alla regolamentazione del Reddito di cittadinanza, senza limiti spazio-temporali”, ma anche di “un sistema di premialita’ per i lavoratori stagionali che garantiscono continuita’ di lavoro presso le medesime strutture”, ha proseguito. Si richiede inoltre “una leva fiscale (crediti d’imposta, Imu) per i datori lavoro che garantiscono alloggio ai collaboratori, utilizzando spazi propri o in affitto”, ha aggiunto.

Back to top button