Cultura e Natura

DANTE ALIGHIERI E LA POESIA DI MONTAGNA NEL CUORE DEL SIRENTE-VELINO

Nel cuore del Sirente-Velino un premio speciale in occasione del 700° anniversario della morte di Dante Alighieri, alle personalità del mondo della letteratura distintesi negli studi danteschi. Ne dà notizia il sito ufficiale per il turismo abruzzese.

La premiazione avverrà a Rocca di Mezzo (AQ), il 27 agosto 2021 nel corso dell’ottava edizione del  “Premio Nazionale Mario Arpea – Letteratura e Poesia di Montagna”. 

Il concorso è dedicato alla memoria dell’illustre Mario Arpea, professore universitario di diritto della navigazione, politico, poeta, scrittore e saggista che, con numerosi libri di poesia, narrativa e storia ha svelato gli aspetti più sconosciuti, intimi e sentimentali dell’Altopiano delle Rocche, interpretandone “lo spirito dei luoghi”, come egli stesso scrisse.

Mario Arpea nacque il 23 settembre del 1919 e visse a Rocca di Mezzo fino ai tempi dell’università, quando si trasferì a Roma dove rimase fino alla sua morte. Nell’estate del 1989, da un’intuizione di Scotese e Mario Aprea, presidente del Congresso per lo sviluppo culturale delle Rocche (altopiano dell’Appennino centrale, in Abruzzo) nacque il Festival Officina musicale di Rocca di Mezzo, volta a portare durante il mese d’agosto in spazi storici dell’altopiano delle Rocche eventi concertistici.

La manifestazione è organizzata dall’Associazione Monti Naviganti e dalla Società Dante Alighieri, in collaborazione e con il contributo del Comune e della Pro Loco di Rocca di Mezzo. 

La premiazione avverrà nello splendido giardino Cidonio a Rocca di Mezzo (Aq), sede del Parco Sirente-Velino.

(Foto di Paolo Colucci @ https://www.facebook.com/visit.abruzzo/)

Back to top button