Dalle Diocesi

DIOCESI DI TERAMO-ATRI, LA LETTERA MENSILE AI GIOVANI

Riportiamo il testo integrale della lettera indirizzata i giovani da Mons. Lorenzo Leuzzi, vescovo di Teramo-Atri.

                   la mia prima lettera dell’anno pastorale vi giunge all’inizio dell’anno scolastico ed accademico. Spero che coloro che hanno concluso il percorso formativo abbiano iniziato l’inserimento nel mondo delle attività professionali.

                   A tutti un augurio di camminare insieme con fiducia per costruire un futuro pieno di gioia e di successi.

                   A proposito di successi desidero confidarvi la mia sorpresa e il mio stupore nel vedere tanti vostri amici attenti ad ascoltare proposte impegnative e non molto gettonate.

         In particolare sul tema del successo!

         Avere successo sì, ma a quali condizioni?

         Nell’opinione diffusa il successo è cercare il consenso a tutti i costi.

         Non importa chi sono, l’importante è che gli altri riconoscano che sono bravo!

         Questo successo, tuttavia, è destinato a finire!

         È il successo di chi, casualmente, si trova al centro del dibattito, ma non trova il tempo per riflettere su questa possibilità.

         Capire e vivere le opportunità da protagonista è la vera sfida di ciascuno di noi.

         Ma per essere protagonista, tu devi essere qualcuno!

         Nel successo devi essere te stesso e non un attore del dibattito, sia pure ricercato.

         La società cerca attori protagonisti e non comparse!

         Per essere attori protagonisti bisogna capire chi sono, dove vado e, soprattutto, perché vivo.

         Ricordando il volto sorridente e sornione di alcuni vostri amici, ho capito che questa sfida non è lontana dal vostro cuore e dalla vostra mente.

         A tutti voi desidero rivolgere un invito: tirate fuori il meglio che c’è dentro di voi!

         Quante volte ho ripetuto parlando di voi agli amici più grandi: “i nostri giovani sono più intelligenti di quanto noi pensiamo!”.

         Di fronte a questa affermazione molti adulti sono in difficoltà, perché sono invitati a rivedere le proprie scelte di vita per rispondere alle vostre domande.

         Non abbiate paura!

         Ci sono tanti amici che sono disponibili a confrontarsi e a dialogare con voi.

         Non siete soli!

         La Chiesa vi è sempre vicina e, insieme, troverete occasioni per vivere momenti di condivisione.

         A tutti vorrei ricordare la domanda di Andrea e Simone a Gesù: “«Maestro dove dimori?».  Gesù rispose: «venite e vedrete!»” (Gv 1,38-39).

         Anche tu non aver paura di chiedere: “dove dimora il Maestro?”.

         Lo troverai nella vita della Tua Parrocchia, semplice e umile. In quella comunità dimora il Signore!

         È la via del successo, dell’attore protagonista e non dell’attore comparsa, che vive del successo, ma non costruisce nulla per sé e per gli altri.

         “La Chiesa esiste perché voi giovani abbiate successo!”.

         Cari giovani,

         vi auguro di essere attori protagonisti di una nuova Europa – dagli Urali all’Oceano Atlantico – riscoprendo la grandezza e la dignità di ogni persona.

         Vi attendo con gioia nelle tappe del nostro cammino comunitario.

         Vostro

Back to top button