Dalle Provincie

IERI A PESCARA LA PRIMA INFUSIONE DI ANTICORPI MONOCLONALI

Lo scorso pomeriggio è stata effettuata la prima infusione di anticorpi monoclonali all’ospedale Pescara su un uomo di 82 anni.

“Si tratta di un paziente fortemente a rischio – spiega, all’Adnkronos, Giustino Parruti, responsabile dell’ospedale Covid di Pescara nonché direttore dell’Unità operativa complessa di Malattie infettive -, per il quale abbiamo ritenuto utile ed opportuno questo tipo di cura”. Al momento, in regione, le fiale sono state distribuite alle farmacie degli ospedali che si trovano nei capoluoghi di provincia.

“Si tratta – aggiunge Parruti – di un’opzione terapeutica per pazienti che, pur con malattia lieve o moderata, presentano fattori di rischio importanti, cioè potrebbero sviluppare una forma grave di Covid-19”.

A causa dell’età, per esempio, ma anche di patologie pregresse, con conseguente aumento delle probabilità di ospedalizzazione o del pericolo morte. In Abruzzo dovrebbero presto arrivare 100 fiale per ogni provincia.

Back to top button