Economia

LA FIOM SCENDE IN CAMPO ACCANTO AI LAVORATORI DELLA RIELLO

I lavoratori della Riello veneti e abruzzesi sono in lotta contro l’ennesimo atto scellerato da parte di un’azienda non in crisi che decide di chiudere, licenziare e delocalizzare all’insegna esclusiva del profitto”.
Lo scrive in una nota la Fiom abruzzese.
“Il primo settembre la Riello Spa, del gruppo Carrier Global Corporation, ha comunicato alle Organizzazioni sindacali la volontà di chiudere il sito di Villanova di Cepagatti (Pescara) e l’avvio immediato della procedura di licenziamento collettivo di 71 lavoratrici e lavoratori nonché il trasferimento di 19 addetti alla Ricerca e sviluppo nella sede di Lecco e Legnago. – chiarisce il sindacato – La notizia è stata un fulmine a ciel sereno. Nell’anno dell’ecobonus caldaie ha lasciato tutti sbigottiti, anche per la mancanza totale dei segnali tipici di un’azienda in crisi. Fino al mese di luglio la società ha avuto una produzione corposa e in costante aumento e gli operai hanno lavorato fino a coprire tre turni”.
La Fiom spiega che “il piano industriale della multinazionale mostra chiaramente come la produzione del Plant abruzzese non cesserà ma verrà solo frammentata ed espiantata dal territorio. La costruzione degli scambiatori passerà a Legnago, la carpenteria pesante a Volpago e ovviamente, come in un noto cliché l’attività di assemblaggio delle caldaie sarà trasferita in un sito in Polonia. Al tavolo regionale del 15 settembre, gli assessori al Lavoro e alle Attività produttive hanno più volte sottolineato l’inaccettabilità della decisione di chiudere lo stabilimento, vista l’assenza di crisi e le prospettive di sviluppo del sito altamente produttivo, mettendo sul tavolo incentivi per il mantenimento dei livelli occupazionali oltre ai finanziamenti previsti nella programmazione 2020/2027 dalla Regione Abruzzo per le imprese che non delocalizzano e investono sul territorio”.
Ma nonostante questo la Riello ha ribadito la sua “scelta strategica” di licenziare “71 lavoratori e impoverire un territorio già massacrato da una serie di vertenze gravissime.
Come se non bastasse la Regione Abruzzo ha ricordato all’azienda che avendo ricevuto nel 2017 finanziamenti dallo stesso ente dovrà restituirli con tanto di penale e di interessi. L’azienda di conseguenza non potrà partecipare a nessun bando né ricevere finanziamenti pubblici per i prossimi 5 anni su tutto il territorio nazionale”.

Back to top button