Economia

L’AQUILA, IL CARO BOLETTE COLPISCE ANCHE IL COMUNE

Il caro bollette non perdona e colpisce indistintamente famiglie, aziende, attività sportive e anche il Comune. Gli Aquilani chiedono delle risposte al governo per cercare di fermare l’arrivo delle bollette, anche arretrati, e imporre un costo dell’energia elettrica diverso da quella del gas. Basti pensare che è già arrivato 1 milione di euro di bollette che si riferisce ai mesi da marzo a giugno. Una cifra enorme rispetto alle previsioni perché l’ente pensava di spendere 1 milione e 800 mila euro in un anno invece in pochi mesi ha speso di più. Tanto che lo stesso comune ha dovuto fare a luglio una variazione di bilancio per aumentare le somme a disposizione per utenze di luce e gas. 5 milioni di euro in più rispetto al 2021. C’è preoccupazione anche per gli inquilini dei progetti case spesso anziani, disabili o mono reddito. Servono delle misure sociali per il consigliere Paolo Romano e soprattutto agli inquilini stanno già arrivando altre bollette e riceveranno pagamenti arretrati risalenti al 2018, che il comune non ha mai inviato. Insomma un dramma che coinvolgerà tutti, causando l’aumento della povertà. Inoltre Romano chiede anche l’eco Canone per gli inquilini Ater che sono nel progetto case e che pagano ad oggi un canone superiore, rispetto a quello che pagano gli stessi inquilini Ater nel resto dell’Abruzzo.

Back to top button