Dalle Provincie

MOSCIANO SANT’ANGELO, INCIDENTE SUL LAVORO E UN OPERAI MUORE SCHIACCIATO DA UNA MACCHINA

Un operaio di 49 anni, residente a San Benedetto del Tronto, è morto mentre lavorava alla Metallurgica Abruzzese, azienda che produce reti metalliche a Marina di Mosciano Sant’Angelo. L’uomo è rimasto schiacciato da un macchinario. Secondo una prima ricostruzione, la macchina alla quale l’operaio era impegnato si era bloccata. L’uomo avrebbe cercato di rimetterla in movimento, ma a quel punto è rimasto schiacciato. Sul posto è arrivato il 118, ma l’uomo era già morto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Mosciano e il servizio sicurezza sul lavoro della Asl di Teramo. La vittima si chiama Tonino Fanesi. Lascia la moglie e tre figli. Nato a San Benedetto del Tronto, abitava  a Giulianova alta. Tutti lo ricordano come un grande lavoratore, un padre e un marito esemplare, un uomo buono, un lavoratore serio,  scrupoloso. “Ci stringiamo alla sua famiglia”, ha detto il sindaco di Giulianova Jwan Costantini porgendo le condoglianze dell’amministrazione comunale. “Continua la strage delle morti bianche – ha continuato, “un fenomeno drammatico che non capita solo altrove ma che, come in questo caso, tocca anche la nostra comunità. Gli incidenti sul lavoro sono una ferita non rimarginabile. Portare oggi consolazione alla famiglia di Tonino Fanesi, nostro concittadino, non è facile. La abbracciamo, le siamo vicini,  ne condividiamo il dolore. Vogliamo sperare che la morte ingiusta del loro caro possa essere di monito, favorisca la cultura della prevenzione e promuova l’impegno per la tutela dei lavoratori”.

Back to top button