Dalla Regione

NEL 2021 SEGNALI DI CRESCITA IN ABRUZZO, INDAGINE DI BANCA D’ITALIA

Nel corso del 2021 il quadro congiunturale in Abruzzo è nettamente migliorato, beneficiando dei progressi nella campagna di vaccinazione e dell’allentamento delle misure di contrasto alla pandemia”. E’ quanto si legge nell’ultimo report di Banca d’Italia sull’andamento congiunturale pubblicato in questi giorni. Report che parla di segnali più che positivi emersi da un sondaggio condotto su un campione di imprese manifatturiere abruzzesi.
Per il presidente della Regione Marco Marsilio, leggendolo, “non si può non sottolineare che gli interventi di sostegno messi in atto dalla Regione Abruzzo durante il momento più difficile della pandemia sono serviti per generare un’immediata ripartenza dell’economia non appena la situazione sanitaria è migliorata. I
segnali di crescita e le ulteriori prospettive rappresentano la conferma che stiamo utilizzando in maniera ottimale gli strumenti a disposizione, a cominciare dai fondi europei. Guardiamo al futuro con la certezza di poter raccogliere la sfida di trasformare questa ripresa – aggiunge – in qualcosa di più strutturato grazie anche alla realizzazione dei progetti che coinvolgeranno le risorse del Pnrr, alla ricostruzione delle zone colpite dai terremoti, al potenziamento delle infrastrutture, all’apertura verso nuovi mercati grazie alle Reti Ten-T”.

Secondo quanto emerge dal Report di Banca d’Italia, nonostante difficoltà di approvvigionamento di materie prime il comparto industriale, emerge, ha mostrato una diffusa ripresa delle vendite nel complesso dei primi nove mesi dell’anno, con aspettative di un ulteriore incremento nel semestre successivo. Le vendite all’estero, trainate dal comparto dei mezzi di trasporto, si sono collocate al di sopra dei livelli registrati prima della pandemia. Nel settore delle costruzioni le ore lavorate hanno mostrato un significativo recupero, superando mediamente i livelli registrati nel 2019. Nell’ambito del terziario si è registrato un significativo incremento delle presenze turistiche, trainato dal buon andamento della stagione estiva. La ripresa degli arrivi di visitatori dall’estero ha inoltre contribuito al parziale recupero dei transiti di passeggeri presso lo scalo aeroportuale di Pescara.

Back to top button