Dalle Provincie

ORTONA, PESCA DI FRODO. MULTATI QUATTRO PUGLIESI

In trasferta in Abruzzo per far incetta di frutti di mare. La scorsa notte, intorno alle 3, i carabinieri, nell’area del porto di Ortona (Ch), hanno intercettato due uomini, all’altezza dell’impianto industriale di Walter Tosto. I militari, insospettiti da un veicolo parcheggiato in una traversa di via Cervana, in zona sottoposta a restrizioni, hanno subito allertato la Capitaneria, intervenuta in supporto. I due sono risultati essere noti alle forze dell’ordine: un pescatore subacqueo con tanto di muta e bombole e la sua vedetta di supporto a terra. Sono entrambi pugliesi ed erano intenti a caricare a bordo del proprio mezzo circa 400 ricci di mare e diversi chili di polpi appena catturati.

E’ stata loro contestata la pesca in area vietata e la pesca oltre i limiti consentiti di specie soggette a regolamentazione specifica, per una sanzione complessiva di 3mila euro. Il pescato è stato sequestrato e rigettato in acqua trattandosi di prodotto ancora vivo.
Requisite, e poi saranno confiscate, anche le attrezzature. C’è la massima allerta – come spiega la Capitaneria – “per contrastare la pesca di frodo e debellare l’annoso fenomeno di depredazione delle coste teatine ad opera di abusivi provenienti da altre regioni”.

Back to top button