Dalle Provincie

SIGLATO PROTOCOLLO PER COSTITUIRE RETE PER LAVORO AGRICOLO DI QUALITÀ

È stato sottoscritto questa mattina, in Prefettura a L’Aquila, il “Protocollo per la costituzione della Sezione territoriale della Rete del lavoro agricolo di qualità in provincia dell’Aquila”. Il documento è stato siglato dal prefetto Giancarlo Di Vincenzo; dal direttore regionale dell’Inps Abruzzo Luciano Busacca; dal vice presidente della Giunta regionale con delega all’Agricoltura, Emanuele Imprudente; dall’assessore al Lavoro della Regione Abruzzo, Tiziana Magnacca, dal direttore dell’Ispettorato territoriale del Lavoro dell’Aquila, dai presidenti provinciali di Confagricoltura, Coldiretti e Confederazione Italiana Agricoltori e dai segretari provinciali della Cgil, Cisl e Uil.

L’iniziativa, promossa dalla Prefettura e dalla Direzione provinciale dell’Inps e portata avanti con il condiviso impegno di istituzioni, enti locali, organizzazioni d’impresa e sindacali, anche attraverso specifiche riunioni del Consiglio territoriale per l’Immigrazione e del Tavolo permanente per il monitoraggio del fenomeno del caporalato, è mirata a prevenire fenomeni di lavoro illegale in agricoltura.

“La firma di questo protocollo d’intesa – ha detto il vice presidente Emanuele Imprudente – segna un momento cruciale per il miglioramento delle condizioni di lavoro nel settore agricolo della nostra regione.
La nostra attenzione è rivolta a garantire un lavoro dignitoso e sicuro per tutti. È un esempio di come la collaborazione tra istituzioni e organizzazioni possa portare a risultati concreti e positivi per il territorio. Pone le basi per affrontare in maniera sinergica, con la Regione quale elemento trainante, i problemi legati al mondo agricolo promuovendo la qualità del lavoro”.

 ”È un ulteriore passo in avanti – ha aggiunto l’assessore Magnacca – nella promozione in agricoltura delle politiche attive del lavoro, del contrasto al lavoro sommerso e all’evasione contributiva, della sicurezza e igiene sul lavoro, dell’organizzazione e gestione dei flussi di manodopera stagionale e l’assistenza dei lavoratori stranieri immigrati. Una tangibile collaborazione tra istituzioni, sindacati e organizzazioni del mondo agricolo”.
Con l’attuazione del Protocollo si promuove il sostegno all’eccellenza agricola della provincia mediante la realizzazione di progetti che agevolino l’intermediazione, l’organizzazione e la gestione dei flussi di manodopera stagionale, la formazione dei lavoratori, i servizi di trasporto collegati con il lavoro agricolo e gli interventi volti alla coesione sociale, in particolare di assistenza ai lavoratori immigrati.

Back to top button