Dalle Provincie

SULMONA, SIT-IN PER CHIEDERE DI “SMILITARIZZARE” LA BASE DI SAN COSIMO

L’associazione “Disarmiamo la pace, disertiamo la guerra” invita tutti gli abruzzesi a partecipare al sit-in in programma a Sulmona, il prossimo 17 settembre alle ore 11, per chiedere di smilitarizzare la base di Monte San Cosimo e di destinare l’area alla Protezione civile il coordinamento di associazioni “Disarmiamo la pace, disertiamo la guerra”. Oggi a Pescara, presentando l’iniziativa alla stampa, gli organizzatori hanno ricordato che si tratta del più grande deposito di armi in Abruzzo e uno dei più grandi del Centro-Sud d’Italia, situato tra Pratola Peligna e Sulmona che, in caso di guerra, diventerebbe un obiettivo sensibile per i missili russi, con conseguente rischio per tutta la popolazione abruzzese. Da mesi circolano sui social network immagini su insoliti movimenti di mezzi militari in entrata e in uscita dal deposito dell’esercito che, nel corso degli anni, è stato oggetto di numerose interrogazioni parlamentari. Il coordinamento parla di presunte manovre militari che hanno destato preoccupazione tra la popolazione locale e interessato la stampa locale. Gli organizzatori della manifestazione hanno evidenziato che: <Durante la Guerra fredda era segretissimo e i pacifisti ne chiedevamo la smilitarizzazione. Qualora l’Italia dovesse essere coinvolta nella guerra San Cosimo sarebbe un obiettivo sensibile di primaria importanza per i missili russi. Lo era e lo è ancora. Nel 1986, in occasione della crisi con Libia, il deposito di Monte San Cosimo venne posto in stato di allerta. La guerra in Ucraina si riverbera anche sul nostro territorio. Il governo italiano ha deciso di inviare armi nel Paese aggredito da Putin. San Cosimo non è un luogo qualunque, bensì è uno dei più grandi depositi di armi e munizioni del centro sud Italia. Chiediamo la smilitarizzazione dei nostri territori e lo smantellamento del deposito militare. Lo abbiamo già chiesto più volte in questi decenni e ancora una volta sollecitiamo che si levi il segreto militare e si faccia chiarezza su che cosa sia effettivamente depositato al suo interno, per il bene (anche e non solo) di tutti>.

Back to top button