Cultura e Natura

“WILD GRAN SASSO”, IL PRIMO EQUIRADUNO TRA NATURA E ARTE

“E’ iniziata una nuova era dove la federazione torna ad essere protagonista e sempre più vicina al territorio grazie ai nostri amati cavalli.” Successo per l’equiraduno ‘Wild Gran Sasso’ organizzato dalla Fitetrec-ante per celebrare l’ippovia del Gran Sasso – da poco inaugurata a Campo Imperatore in uno dei luoghi piu’ belli e suggestivi d’Italia – che si è svolto lo scorso fine settimana con un percorso dall’Altopiano del Voltigno fino a Rocca Calascio.
“Un sogno che è diventato realtà – dichiara il presidente nazionale Fitetrec-Ante Franco Amadio – :spesso immaginare e realizzare sono due cose che hanno una grande distanza, invece in questo caso la tenacia, la voglia e l’organizzazione nel realizzare l’evento in pochi mesi ha preso forma ed è diventato realtà”.
Hanno partecipato all’evento circa 100 binomi provenienti dalle Regioni Abruzzo, Toscana, Lazio, Molise, Marche, Puglia e anche due cavalieri in rappresentanza del Piemonte e della Liguria. “L’ippovia del Gran Sasso – spiega l’ideatore dell’equiraduno, Gianni Galeota – con i suoi 430 km probabilmente è la più grande d’Europa e la nostra federazione ha voluto onorarla con questo grande evento”.
Importante il supporto e il contributo di Fondazione Campagna Amica, Terranostra rappresentata da Gabriele Maiezza e della Coldiretti con il direttore Provinciale dell’Aquila, Domenico Roselli, che hanno offerto ai cavalieri il pranzo della domenica a base di prodotti tipici locali.

Back to top button